Letto: L’uomo che guarda, Moravia

L'uomo che guarda, Alberto Moravia

L’uomo che guarda, Alberto Moravia

Il mio primo Moravia è L’uomo che guarda, un romanzo che mi ha lasciato l’amaro in bocca per il suo finale, d’altra parte in linea con l’andamento psicologico di tutta la narrazione che l’ha preceduto.

Al di là della trama, sono stata sorpresa da un utilizzo così pieno e vagamente retro della lingua italiana, il che è ovviamente  una constatazione positiva visto che nessuna lettura paesana di recente creazione si è distinta per l’utilizzo della nostra lingua, salvo un interessante Buenos Aires 1976 di G. Menichini.

Nella trama stessa, tuttavia, un colpo di scena mi ha lasciata talmente di stucco che mi ha forzata a concedermi una pausa, da cui è scaturita la foto sopra.

Con Moravia, infine, ho riscoperto il fascino misterioso di leggere libri presi in prestito dalle biblioteche. Dovrò praticare più spesso l’abitudine di fare una passeggiata fino alla biblioteca e scegliere i romanzi non sulla base di una ricerca svolta in precedenza ma sulla base di fede e fiducia verso la creazione letteraria.

È stata mia mamma, infatti, a passarmi il testo non appena concluso e mi ci sono buttata dentro pur senza avendone letto informazioni preliminari in copertina.

For more  This is an Insight on Facebook
Translate me  Google Translate

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s